Age Diversity Cover

Age diversity
Collaborazione multigenerazionale

Diffondere il know how aziendale tra le diverse generazioni di dipendenti, creando best practice di successo che bilancino tradizione ed innovazione.

Le statistiche dimostrano che l’età media dei dipendenti delle aziende italiane è superiore alla media europea. L’HR Manager deve quindi gestire al meglio il ricambio generazionale, preservando le best practice già consolidate e garantendo un tasso di innovazione che consenta all’organizzazione di affrontare da protagonista le sfide del futuro.

Questo corso offre una metodologia che nasce dalla sintesi di diversi approcci per creare un ponte di comunicazione e collaborazione tra le persone che hanno fatto la storia dell’azienda e quelle che la faranno in futuro.

Obiettivi del corso
  • Definire gli obiettivi del piano di collaborazione multigenerazionale
  • Identificare i possibili rischi e le azioni preventive e correttive
  • Individuare le competenze da trasferire tra le diverse generazioni
  • Individuare le persone da coinvolgere, attraverso la Organizational Networking Analysis (ONA)
  • Definire tecniche di modellamento implicito ed esplicito delle best practice
  • Apprendere le fasi del ciclo della conoscenza (Knowledge Management)
  • Applicare i principi della collaborazione generativa
  • Condividere le competenze modellate all’interno delle organizzazioni
  • Creare il thesaurus delle best practice
  • Imparare a misurare i risultati per un miglioramento continuo
A chi è rivolto questo corso

Il corso è rivolto ad HR Manager, Responsabili della comunicazione interna, Responsabili di funzione, Team Leader, Project Manager, imprenditori.

Programma del corso
  • L’approccio sistemico alla collaborazione multigenerazionale
  • Le caratteristiche delle organizzazioni che apprendono (Learning Organization)
  • La definizione degli obiettivi di medio lungo periodo: Knowledge Strategy
  • L’analisi dei rischi: la matrice impatto-probabilità
  • La matrice delle competenze di Granchi & Partners
  • Competenze, comportamenti, kpi quali-quantitativi
  • Oltre l’organigramma: l’analisi ONA e l’effetto leva sistemico
  • Le fasi del processo di Modellamento implicito ed esplicito delle competenze
  • Le fasi del ciclo della conoscenza: analisi dettagliata
  • Gli strumenti del knowledge management: comunità pratica, lesson learned, storytelling, coaching, reverse coaching, mentoring, training on the job
  • Le tecniche di collaborazione generative tra senior e junior
  • La creazione del thesaurus delle best practice aziendali
  • Il ruolo del Digital Learning e delle community aziendali nella diffusione delle best practice
  • Strumenti di controllo e di misurazione dell’efficacia dello sharing knowledge: la creazione del cruscotto
Metodologia didattica

Il corso si caratterizza per essere taglio esperienziale. Verranno effettuate esercitazioni indidivuali e di gruppo, anche con strumentazione digitale e presentati spezzoni di film esemplificativi.

Docente
Guido Granchi
Guido Granchi

Amministratore di Granchi & Partners e formatore certificato con esperienza ventennale sui temi del Pensiero Sistemico, Programmazione Neurolinguistica, Marketing Oceano Blu, TQM. È autore di pubblicazioni sui temi del management e di articoli sulle più rilevanti testate di riferimento.